Matteo Aiello

Il morboso amore per Babangida e Winning Eleven 4

“Pronto”. “Matte, sono io”. “Ciao Ale, com'è?”. “Tutto bene. Senti, ho bisogno di farti vedere una cosa. Ce la fai a passare da me?”. “Sì, vengo un'oretta che poi devo studiare”. “Ecco, allora datti una mossa. Lorenzo mi ha prestato un gioc...
Matteo Aiello

Matteo Aiello

Volevo essere un calciatore e sono diventato un cestista. Ho un juke box in casa e una cineteca da 2500 film. Anfield è la mia religione. Nick Hornby il mio maestro. Scrivo perché sono un paraculo. Toglietemi tutto, ma non Bruce Springsteen e Yoann Gourcuff come trequartista alla Playstation.